logo Agenzia Scuola logo MIUR



Il Progetto Porti d'Europa

Il progetto “Porti d’Europa” è stato realizzato nell’ambito del progetto europeo ”Leonardo da Vinci” in continuità con altri ”Leonardo” ai quali l’ ITNS A. Cappellini ha partecipato sia come promotore sia come partner di “Accademia Europea” di Firenze a partire dalla seconda metà degli anni novanta allorché,  sulla base di una convinzione maturata in un convegno di istituti nautici organizzata a Livorno da questo istituto, fu presa la decisione di ampliare l’offerta formativa rivolgendosi al settore della logistica e della cantieristica da diporto al fine di permettere agli studenti, che non avessero voluto intraprendere la carriera di ufficiale della marina mercantile o navale, di utilizzare la preparazione conseguita in settori lavorativi contigui. C’era anche la consapevolezza che solo i nautici e gli aereonautici, tra le scuole superiori italiane, si occupavano di trasporti e che quindi era inevitabile che, in linea con quanto già accadeva in alcuni paesi europei, fosse compito loro, anche se non ancora previsto nel piano di studi ministeriale, intraprendere iniziative di orientamento e formazione dei settori della logistica e della cantieristica. DIstituto Cappelliniel resto uno studio condotto sul territorio livornese metteva in evidenza che gli operatori sia del settore logistico sia della cantieristica da diporto impiegati nelle aziende locali avevano intrapreso la loro attività senza un percorso di  istruzione e formazione specifica.
Con la collaborazione di alcuni esperti – il segretario della FILT CGIL  A.Battistini e la prof.ssa D.Cazzaniga docente  dell’università degli studi di Pisa e il Dott. G Ambrosino esperto di ICT e collaboratore  di progetti europei del settore trasporti in diversi paesi della comunità europea - venne studiato un percorso formativo che introduceva parziali modifiche al curriculum di studi ma che soprattutto vedeva nell’ esperienza di stage in altri paesi europei il suo punto qualificante.
Venne in oltre elaborato un progetto di post-diploma per “Operatore logistico” finanziato dal MPI e dal Ministero del Lavoro come progetto sperimentale, seguito qualche anno dopo da altri due IFTS, uno nell’ambito dei trasporti intermodali e l’altro della cantieristica.
E’ all’interno e come proseguimento di questo percorso che si pone anche “Porti di Europa” che ha condotto diciannove studenti dell’ ”Artiglio-Cappellini” ( a quel tempo l’ITNS A.Cappellini di Livorno era aggregato all’ITNS Artiglio di Viareggio) a Lisbona e Dublino per sei settimane.
Gli otto ragazzi della terza classe inviati a LisbDia Indireona sono stati impegnati, dopo due settimane di formazione linguistica, in attività di orientamento nei canteri navali, nelle agenzie di spedizione, nelle agenzie marittime, nei terminal mentre quelli della quarta classe a Dublino, dopo la formazione linguistica, sono stati inseriti al lavoro in ambienti simili a quelli sopra indicati.
I risultati dell’esperienza, soprattutto in Irlanda, sono stati buoni tanto che tre ragazzi hanno poi ricevuto proposte di lavoro stabile ed uno dopo la maturità è tornato a lavorare nell’azienda presso la quale aveva svolto lo stage.
L’esperienza maturata in questi anni ha portato l’istituto ad inserire nel percorso di formazione, a partire dal biennio iniziale, progetti tesi ad orientare verso le nuove professionalità dei settori trasporti della logistica e della cantieristica. Con i “P.I.A.” (Progetti integrati d’area) gli studenti del biennio hanno studiato la realtà portuale e cantieristica livornese; con i progetti “INTERREG” è stata approfondita la realtà portuale dei trasporti di Toscana, Sardegna e Corsica; con i progetti Scuola-Lavoro i ragazzi delle quarte effettuano stage in aziende locali: gli studenti del corso di trasporti marittimi (Capitani) seguono un corso di novanta ore, parte in orario scolastico parte in orario extrascolastico che prevede lezioni in aula di esperti, visite guidate ed una stage di una settimana in aziende del settore marittimo-portuale e della logistica; i ragazzi del corso di apparati e impianti marittimi (Macchinisti) effettuano uno stage presso il cantiere “Azimut- Benetti di Livorno, il più grande al mondo per la produzione di mega-yachts, da alcuni anni insediatosi a Livorno. Quest’ultimo stage dura due anni scolastici: i ragazzi di quarta e quinta si recano al cantiere una volta alla settimana sia in orario scolastico che extrascolastico e nei mesi di novembre  e di aprile svolgono una settimana full-time nel cantieri  sopra citato. E’ inoltre in progettazione un corso di novanta ore che prepari ad un post-diploma per “manutentore di macchine portuali” che l’Autorità portuale di Livorno si accinge a presentare.
Dia IndireÈ’ invece in attuazione un corso professionale per “Allievo Ufficiale del ruolo navigante e logistico” rivolto ai diplomati del corso TM (Capitani). Questo percorso di formazione iniziale e di orientamento in uscita può essere ulteriormente sviluppato dagli studenti interessati   a livello universitario, frequentando il corso di laurea in “Economia e legislazione dei sistemi logistici” che dopo un biennio iniziale comune, prevede nel terzo anno un indirizzo ingegneristico che meglio risponde alla preparazione ricevuta dall’ITNS.
Tale corso  di laurea è organizzato da quattro facoltà dell’Università degli Studi di Pisa (Economia e Commercio, Informatica, Giurisprudenza ed Ingegneria)  da soli due anni attivo sul nostro territorio.
L’attività svolta dall’istituto è stata arricchita dalle esperienze vissute in altri paesi europei  presso i quali gli studenti si sono recati in questi ultimi quattordici anni. È anche dal contatto con queste realtà estere che è stato possibile individuare percorsi formativi per figure professionali tradizionali ma che necessitavano di aggiornamenti e per nuovenave.gif professionalità emergenti dal cambiamento delle realtà produttive internazionali.
Tra le figure professionali da formare sicuramente c’è il Capo commessa (Capo Barca) un tecnico qualificato in grado di seguire e gestire l’intero ciclo di costruzione di imbarcazioni da diporto sino al collaudo e alla consegna dell’unità; i piccoli e medi cantieri hanno anche grande difficoltà a reperire addetti ai servizi elettrici di bordo mentre una figura professionale emergente è quella del tecnico esperto di sviluppo tridimensionale di modelli a rendering  fotografico (esperto di software grafico ).
Per quanto riguarda il settore della nautica da diporto visto il forte sviluppo dei porti turistici è opportuno sviluppare figure professionali in grado di gestire in modo efficace tutte le problematiche relative al diporto.
In particolare  è opportuno richiamare in breve le seguenti realtà e le relative figure professionali :

Realtà Produttiva
• Porticciolo Turistico: è un’Azienda cioè un complesso centro di servizi in grado di fornire non solo moderne infrastrutture all’arrivo, all’accoglienza, allo stazionare, alla partenza, ma anche una vasta gamma di servizi marittimi e tecnico-nautici che  comprendono la “logistica” (Disciplina che studia i metodi di gestione dei flussi materiali-finanziari-informatici/immateriali nei sistemi di produzione e distribuzione di beni e/o servizi in rete e con punti di facility).

Figure Professionali  relative ai moderni porti turistici
• Pilota del porticciolo turistico: segue l’arrivo al porto, conduce in sicurezza l’unità all’ormeggio e viceversa.
• Manager portualità turistica e logistica: cura la gestione degli spazi del porto e la relativa sicurezza.
• Operatore tecnico polivalente per l’area portuale turistica : si occupa della messa in sicurezza di tutte le unità, ormeggio, disormeggio, ancoraggio, alaggio e varo.

Realtà Produttiva
•Cantieri Navali

Figure Professionali
• Tecnico di gestioni dei cantieri portuali
• Tecnico allestitore di bordo
• Tecnico del disinquinamento
• Responsabile della produzione (quadro di processo)
• Tecnico impiantista
• Tecnico certificazione qualità
• Tecnico elettronico navale
• Tecnico disegnatore navale CAD/CAM
• Esperto informatico in software per computer di bordo


Titolo del progetto 
Porti d’ Europa: esperienze professionali a favore di nuove competenze nella logistica portuale

Nome dell’organizzazione che ha promosso/implementato il progetto 
Istituto Tecnico Nautico “Cappellini”

Nome della persona responsabile del progetto 
Prof. Roberto Pincelli

Contatti telefonici, email, indirizzo 
Tel. 058.6898158 
Piazza giovine Italia, 1
57100 Livorno
nautico.li@virgilio.it

Sito web del progetto

www.nauticocappellinilivorno.it 

 
 

 


Archivio Showcase

Il progetto Orientmuse
10 Dicembre 2009
Francesco Vettori


La musica e l'immagine cinematografica, un progetto didattico esempio di buona pratica
5 Ottobre 2009
Francesco Vettori


Intervista a Flavio Milandri del Gruppo Fantariciclando
16 Settembre 2009
Francesco Vettori


La Biblioteca musicale digitale per il mondo
8 Agosto 2009
Federica Toci


La digitalizzazione al Conservatorio S. Pietro a Majella
27 Luglio 2009
Rudi Bartolini


Scatola Sonora
13 Luglio 2009
Federica Toci


'Kalòjeros: un carnevale balcanico'
15 Giugno 2009
Rudi Bartolini


S.I.SI.NE - Sistema Integrato di Simulazione per la Negoziazione
15 Maggio 2009
Francesco Vettori


“Urban Culture and Landscape Renewal”
4 Maggio 2009
Francesco Vettori


Il Progetto Porti d'Europa
1 Aprile 2009
Istituto Tecnico Nautico Statale Alfredo Cappellini


Mediateca 2000
16 Marzo 2009
Francesco Vettori


Crea©tivity+IDEA
27 Febbraio 2009
Francesco Vettori


Lingue immigrate in Italia
16 Febbraio 2009
Francesco Vettori


Il progetto MindScape, come sperimentare il pensiero creativo a scuola
29 Gennaio 2009
Elisabetta Mughini e Andrea Benassi